Home

Corso di giornalismo ambientale

Il Corso EuroMediterraneo di giornalismo ambientale Laura Conti che si tiene per il secondo anno a Maratea, in Basilicata, dal prossimo 17 settembre al 26 ottobre 2018, prevede la partecipazione di venti giovani (italiani e stranieri, provenienti da paesi appartenenti all’area del Mediterraneo) che partecipano esclusivamente grazie a 20 borse di studio integrali.

In programma laboratori e workshop di una settimana in cui si producono servizi giornalistici sulle valenze naturali e sociali, le risorse e le opportunità di sviluppo dell’area. E poi degustazioni di prodotti tipici e visite guidate nel territorio della Basilicata.

Il percorso formativo, residenziale e a tempo pieno, dura 6 settimane e prevede 220 ore di lezione, tra teoria e pratica. Rivolto a giornalisti professionisti e pubblicisti, cui è offerta la possibilità di ottenere i crediti formativi richiesti dall’Ordine dei Giornalisti ai fini della formazione continua obbligatoria, il corso è aperto anche a laureati o diplomati interessati a conoscenze di base e tecniche dell’informazione ambientale e della comunicazione pubblica.

Previste lezioni e incontri con giornalisti specializzati e docenti universitari. Dopo il corso è possibile proseguire la formazione attraverso alcuni stage presso uffici stampa e testate giornalistiche.

Il corso, organizzato da Legambiente in collaborazione con la Regione Basilicata ed Editoriale La Nuova Ecologia, e in partenariato con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, si sposterà per tre settimane nella città di Matera.

Scadenza: 29 giugno 2018.

 

 

Call per la Settimana Italia-Cina dell’Innovazione 2018

È aperta la call per partecipare alla Settimana Italia-Cina della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione 2018 in programma a Napoli, Cagliari e Roma dal 22 al 25 ottobre 2018.

Mirata alla creazione di partenariati scientifici, tecnologici e produttivi nei contesti ricerca-innovazione, la Settimana Italia-Cina cade quest’anno nel 40° anniversario della firma del primo accordo intergovernativo tra le due nazioni e si conferma quale “strumento fondamentale di promozione di iniziative bilaterali in ambito scientifico e tecnologico”.

Aziende, startup, imprese, centri di ricerca, università, spin off e cluster tecnologici distretti innovativi e parchi scientifici di tutta Italia hanno l’opportunità di partecipare ad un evento di straordinaria importanza.

La manifestazione segue il format consolidatosi negli anni con seminari, workshop e tavole rotonde sulle tematiche di rilevanza per i rispettivi Paesi, incontri one-to-one tra università, enti e aziende italiane e cinesi, visite a centri di eccellenza italiani.

Sono inoltre previsti due eventi specifici: l’iniziativa per Start-up Innovative e i Giovani Talenti e la Vetrina della Cooperazione con una sessione poster e l’esposizione di prototipi frutto della cooperazione tra istituzioni ed imprese italiane e cinesi.

L’iniziativa è promossa in Italia dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca–MIUR in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale-MAECI ed è coordinata dalla Città della Scienza di Napoli. L’iniziativa vede la forte collaborazione anche del Consiglio Nazionale delle Ricerche–CNR, Confindustria, i Cluster Tecnologici Nazionali, le principali Università e Centri di Ricerca Italiani.

Per partecipare agli incontri one-to-one è possibile iscriversi fino al 20 settembre 2018, mentre le iscrizioni all’evento complessivo rimarranno aperte fino al 10 ottobre 2018. Si consiglia, tuttavia, di registrarsi entro il 20 luglio, data in cui sarà inviato un primo blocco di richieste agli organizzatori cinesi.

 

Conferenza Digital4Her: uguaglianza di genere nel...

Oggi, la Commissaria per l'Economia e la Società digitale, Mariya Gabriel, ospiterà la conferenza Digital4Her a Bruxelles incentrata sull'uguaglianza di genere nel settore digitale. All'evento, numerose aziende tecnologiche, digitali, di telecomunicazioni e media firmeranno una dichiarazione che mira a promuovere e aumentare la partecipazione delle donne all'interno delle loro strutture aziendali. Sarà inoltre lanciata una nuova piattaforma di networking per le parti interessate denominata Rete Europea per le Donne in Digitale. Questa rete faciliterà la collaborazione e la costruzione di un settore digitale bilanciato e di genere in Europa. Infine, con il contributo dei gruppi, il commissario Gabriel presenterà il Piano d'azione "Donne in digitale", composto da azioni concrete e migliori prassi da promuovere a tutti i livelli.

La conferenza sarà trasmessa in diretta streaming, i lavori dal palco principale potrà essere seguito qui.

 

Erasmus+: booklet fai-da-te dalla Piattaforma dei...

D’ora in poi è possibile estrarre in autonomia dalla Piattaforma dei risultati dei progetti Erasmus+ dei booklet "fai-da-te". Oltre a consultare on line migliaia di progetti da tutta Europa, è possibile aggiungere gli stessi a proprie raccolte, assemblate in base a criteri scelti dall’utente ed estraibili in pdf.

Il sistema è semplicissimo, non necessita di iscrizione alla piattaforma e lascia assoluta libertà di azione all’utente, che può attribuire un titolo al booklet estratto e anche una descrizione introduttiva o di sintesi. Una volta salvato, il booklet è facilmente fruibile, dotato anche di indice, e diffondibile.

La Piattaforma, lo ricordiamo, costituisce una vera miniera di ispirazione, alimentata dagli stessi responsabili dei progetti per dare visibilità alle proprie attività. Rappresenta un archivio storico di quanto è stato realizzato in Europa negli ultimi 10 anni, Paese per Paese, con i fondi europei per la mobilità ai fini dell'apprendimento. Chiunque vi può accedere per capire più da vicino cosa si realizza con Erasmus+, applicando i criteri disponibili per la ricerca (anno, Programma, Paese, ecc).

E’ possibile consultare al suo interno anche quei progetti che le Agenzie nazionali in tutta Europa individuano come Buone pratiche o Storie di successo.